you are here:

10 -December -2018 - 18:47
Uno sguardo sul nostro tempo!
Ora devono tagliare le promesse. CLAUDIO MARTELLI

Ora devono tagliare le promesse spese cioè i sussidi e le pensioni anticipate, sostanza e carne delle parole d’ordine e dei successi elettorali della Lega e soprattutto dei 5 Stelle. Esattamente come molti avevano previsto (noi tra questi) alla fine i nostri governanti si sono imbattuti nel dilemma: sfasciare i conti pubblici o perdere la faccia tradendo gli impegni?
Per settimane e per mesi ci avevano stordito con gli slogans più bellicosi: “Non arretreremo di mezzo millimetro”, “Non prendiamo ordini da questa Europa”, “Stiamo facendo la rivoluzione”, “Sanzioni? Ce ne freghiamo”, “I saldi della manovra non si toccano”, “Quota 100 per andare in pensione, 780 euro a tutti i senza lavoro, deficit al 2,4 per cento”.
Eccoli invece Di Maio e Salvini, arrivati al dunque, lanciare il più goffo “contrordine compagni”. Da qualche giorno il problema non sono più “i numerini”, cioè non sono più le cifre contenute nel bilancio che il governo ha presentato alla Commissione Europea e dalla stessa prontamente bocciato. Eppure erano ancora fresche le repliche stizzite dei dioscuri gialloverdi alle critiche unanimi dei commissari e dei governi europei, ai richiami del FMI, dell’OCSE, di Banca d’Italia, alle previsioni delle agenzie di rating e persino ai segnali inviati dai mercati con la fuga degli investitori esteri e dei capitali nostrani. Per non dire delle proteste e, domani, delle manifestazioni di piazza contro la politica del governo che sono state promosse dalle organizzazioni confindustriali, del commercio, dell’artigianato. Non avessero fatto tante chiacchere e tanti annunci tonitruanti Di Maio e Salvini avrebbero evitato figuracce all’Italia, non avrebbero bruciato miliardi di risparmi e fatto schizzare con lo spread gli interessi sul debito come sui mutui. E’ la gestione aggressiva e dilettantesca del bilancio pubblico, la pretesa di piegare i conti alla propaganda che oggi li costringe a sforbiciare i loro “numerini” per rientrare nei limiti di spesa compatibili con un paese che ogni anno deve pagare 80 miliardi di interessi su un debito tornato a crescere oltre i 2330 miliardi.

 
Oltre la metà dei comuni senza internet super veloce: la mappa dei "dimenticati" dagli operatori

Da REPUBBLICA:La banda larga avanza spedita, ma ci sono vaste porzioni di territorio - soprattutto nelle zone montuose del Nord - che restano al buio.LEGGI ARTICOLO
 

 
Non pensate ai decimali: la manovra del popolo è una truffa fin dall’inizio

Segnalo l'editoriale del DIRETTORE DI LIKIESTA:Quota 100 non è mai stata gratis, il reddito di cittadinanza è sempre stato inapplicabile e la flat tax è uno sgravio che sostituisce altri tagli di tasse: ecco perché dentro la finanziaria di Lega e Cinque Stelle non c’è mai stato nulla.LEGGI ARTICOLO

 

 
Strage sul lavoro, quest'anno 49 morti in Lombardia

Da RASSEGNA:Al primo posto della triste classifica c’è Milano con 14 vittime da gennaio. Cgil, Cisl e Uil regionali rilanciano l’allarme per l’ennesima volta: “Bisogna investire più risorse, perché quelle derivanti dalle sanzioni non sono sufficienti”.LEGGI ARTICOLO

 
Cosa hanno in comune Bolzano e Teramo? La fuga dei giovani all’estero

Dal SOLE24ORE.COM:Quali sono le province italiane da cui, nel 2016, sono partiti più giovani per andare a vivere all’estero? Ce lo dice l’Istat, che ha mappato il territorio individuando le cancellazioni dall’anagrafe di cittadini italiani perché emigrati, secondo le diverse fasce di età. LEGGI ARTICOLO

 
"Salvini, Di Maio, il Blackberry e il fascismo impreciso"

Dall' HUFFINGTONPOST:Alessandro Baricco all'HuffPost commenta l'attualità politica alla luce del suo The Game: "Agitare lo spauracchio del regime è una perdita di tempo".LEGGI ARTICOLO

 

 
Gli imprenditori del Nord si ribellano a Salvini (e lui deve tenerseli, o è spacciato)

DA LINKIESTA:Il ministro dell’Interno ha provato a rispondere al malcontento degli imprenditori del Nord rispetto al Governo gialloverde. Ancora una volta, il Nord si conferma il centro di consenso della Lega. LEGGI ARTICOLO

 

 
Gli italiani e il (difficile) rapporto con le cure mediche

Da YOUTREND.IT:Gli italiani hanno rinunciano, sempre più spesso, alle cure mediche. Gli ultimi dati ufficiali disponibili risalgono al 2015, ma Franzini – Presidente Istat – sembra aver preannunciato un ulteriore peggioramento quadro. LEGGI ARTICOLO
 

 
Trasporti, ecco quali sono i treni sostituiti dai bus nel Lodigiano

Dal quotidiano IL GIORNO:Entra in vigore da domenica 9 dicembre l’orario invernale di Trenord. E quest’anno le novità sono tante. A partire dalle ben 139 corse che, come già anticipato nei giorni scorsi dall’azienda, saranno dirottate su strada con un nuovo servizio bus. LEGGI ARTICOLO

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 7 di 937